Caricamento Eventi
Questo evento è passato.
Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

La Via Francigena patrimonio Mondiale dell’Umanità, a che punto siamo?
Un progetto avviato con l’incontro del 12 giugno 2015 a Fidenza che ha visto riunirsi amministratori locali, rappresentanti delle regioni e Ministero italiano della Cultura. Da quel summit, dove i sindaci in modo compatto hanno espresso la grande volontà di proseguire in questo cammino istituzionale, di strada ne è stata fatta tanta.

In primis sono stati avviati i contatti formali fra MiBACT, Regione Toscana (regionale capofila) e AEVF per iniziare a lavorare sul dossier; successivamente è stato formato il gruppo scientifico di lavoro ed è stato condiviso il processo di candidatura con rappresentanti ICOMOS e UNESCO a Parigi nel marzo 2018.

I risultati tangibili di questo lavoro sono stati due: la pubblicazione dell’”Analisi preliminare per la candidatura della Via Francigena a patrimonio UNESCO” del tratto italiano, realizzata nel maggio 2018 ed inserita a gennaio 2019 nella tentative list italiana; in seguito la pubblicazione dello “Studio di inquadramento europeo” propedeutico alla candidatura del percorso da Canterbury a Roma. Quest’ultimo dossier, presentato a fine settembre 2019, vede la suddivisione del tratto europeo in dieci aree geografiche tematiche. Il documento è stato discusso con i rappresentanti nazionali di Inghilterra, Svizzera, Italia e Stato Vaticano dove è stata trovata la convergenza sulla definizione di Via Francigena, sul valore universale della Via Francigena e sui criteri di individuazione degli oltre 500 beni indicati nello “Studio”.

Sono state inoltre presentate le mappe cartografiche dei tratti inglesi, francesi, svizzeri e italiani, specificando la metodologia adottata da un punto di vista geografico, storico, culturale. Un buon lavoro preliminare è stato fatto fino ad oggi. Per arrivare alla meta, sarà indispensabile il sostegno politico dei Ministeri e il supporto di regioni e comuni su tutto il tratto europeo.

A parlarne saranno il Sindaco di Fidenza Andrea Massari, l’Assessore a mobilità e trasporti, infrastrutture, turismo, commercio di Regione Emilia-Romagna Andrea Corsini, la Focal Point nazionale per i siti culturali MiC Adele Cesi, il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti, e la Responsabile scientifica della candidatura UNESCO della Via Francigena Paola Falini. Modera l’incontro Maria Pia Bariggi, assessore alla Cultura e Progetto speciale Via Francigena

Venerdì 17 settembre, alle ore 10, al Teatro Magnani di Fidenza.

La partecipazione è su invito, ma un numero limitato di posti è disponibile per chi fosse interessato a partecipare, per farlo è richiesta la prenotazione online. Se non poteste più partecipare, vi chiediamo gentilmente di disdire la prenotazione cliccando sul bottone “Non parteciperò” per consentire ad altri di prendere parte all’evento.

Vi chiediamo la cortesia di fare una singola prenotazione a nome di ciascun partecipante.

Fotografia: Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF)